Ecco in sintesi il parere del CSPI (Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione) che chiede una corsia preferenziale per gli ATA facenti funzione e di concentrare lo studio su parte giuridica e su quanto strettamente legato all’attività del DSGA:

- prevedere norme a garanzia del giusto riconoscimento alla funzione svolta per anni
- comprendere anche l’a.s. 2017/2018 al fine del conteggio del triennio di servizio minimo prestato da parte degli Assistenti amministrativi facenti funzione
- di prevedere un concorso straordinario/mobilità professionale riservato agli attuali facenti funzione in possesso del requisito dei 3 anni di servizio
- valorizzare maggiormente il servizio prestato nel profilo del DSGA portando a 5 il punteggio massimo attribuibile
- ricondurre le materie delle prove d’esame preferibilmente alla normativa specifica e agli aspetti teorici e operativi del lavoro quotidiano delle scuole
- prevedere la modifica del decreto e del bando nella parte relativa alla conoscenza della lingua straniera che la norma non limita alla sola lingua inglese
- chiarire, al fine di prevenire possibili ricorsi, il significato di “anno intero di servizio” di cui all’art. 3 c.1 del DM, aggiungendo l’espressione complementare di “incarico di durata annuale
- l’esclusione dai test preselettivi degli Assistenti amministrativi facenti funzione

Il CSPI ha, inoltre, sottolineato la necessità di attivare  tutti i canali necessari con la Funzione Pubblica per la predisposizione della procedura della mobilità professionale che dovrebbe riguardare il 20% del contingente.

Si attende entro dicembre 2018 il decreto, con il recepimento di parte o di tutte le indicazioni del CSPI.

VAI AL CORSO DSGA!